(clicca sull'immagine per ingrandire)

Piego da Roma per Lilla (Fiandre) in data 24 Novembre 1695 “franca per Mantova” tassato 8 soldi. Possibile inoltro fino a Mantova tramite il corriere spagnolo con un ordinario che proseguiva per Milano, percorrendo la via “Viterbo - Siena- Firenze - Bologna - Modena e Mantova”. Quest’ultima costituiva un importante nodo postale per la prosecuzione del viaggio postale verso gli Stati Tedeschi. Infatti proprio per questo motivo a Mantova era attivo un ufficio postale della famiglia Tasso, poi Thurn und Taxis, che raccoglieva le lettere provenienti da molte parti dell’Italia e dirette verso gli Stati Tedeschi, per poi inoltrarle lungo la via di Verona e della Valle dell’Adige: Trento Innsbruk attraverso il valico del Brennero, Augusta e poi via via le altre città tedesche.

 

Foglio di Viaggio per Staffetta

 

alt(clicca sull'immagine per ingrandire)

18 Luglio 1737

Foglio diViaggio per Staffetta da Napoli per Barletta con dispacci per Trani e Molfetta.

 

Internamente indicate le località di passaggio e dove la staffetta effettuava la sosta veniva riportato la data e l'ora di arrivo e partenza. Questi posti di sosta erano gestiti dai Mastri di Posta i quali provvedevano a far  effettuare il cambio dei cavalli (ove ce ne fosse bisogno) e offrivano cibo e riposo alle staffette.